Archivio

Archivio Maggio 2014

Merda d’artista

27 Maggio 2014 2 commenti

Oggi ai giardinetti vicino casa ho visto ancora una volta rifiuti ingombranti abbandonati nei pressi dei cassonetti dei rifiuti. Si trattava di due sedie e scatole di cartone, gettate da cittadini e negozianti della zona, per la precisione Piazza Principe di Camporeale.

Palermo, Piazza Principe di Camporeale

Intorno alle 15.00  passeggiavo con Kiki, il mio cane, facendo il solito slalom fra i rifiuti. Al momento dei suoi bisogni quotidiani, ho preso guanto e bustina e li ho raccolti come sempre, per gettarli nel bidone della spazzatura. Nel frattempo c’era gente seduta nelle panchine che chiacchierava, fumava, mangiava, gettando per terra kleenex, mozziconi di sigaretta, carta… per un momento mi sono sdoppiata, era come se vedessi tutto dall’alto, me inclusa, con il cane al guinzaglio e la bustina di cacca ben richiusa, mentre gli altri se ne infischiavano e buttavano tutto per terra, pur avendo a disposizione diversi cestini gettacarte e i bidoni della spazzatura a due passi. Mi sono detta: “Ma sei scema?”.

Merda d'artista-Piero Manzoni

 

Le sedie sembravano attendere… è stato un attimo… ho aperto la bustina e riversato la cacca su una delle due, poi mi sono allontanata e ho scattato le foto.

Risultato? Una bella installazione d’arte contemporanea assai temporanea, che ho chiamato “Merda d’artista 2014”, parafrasando il celebre Piero Manzoni che addirittura la mise in scatola esponendola in musei e gallerie d’arte.

merda-d'artista

Merda_d'artista_Mirella_Puccio

Che dite, vi piace?

Mi permetto di dedicare quest’opera ai palermitani incivili e maleducati che gettano qualsiasi cosa a qualunque orario, scambiando la città per un’immensa discarica.

merda-d'artista

Merda_d'artista_Mirella_Puccio_

Perché ho messo la merda sulla sedia?

Per attirare l’attenzione sui rifiuti ingombranti che soffocano la nostra città.

©2014 Mirella Puccio  – Tutti i diritti riservati

Ringraziamenti:
Kiki, per aver contribuito fattivamente alla messa in opera dell’installazione d’arte (con)temporanea.